NotizieSerie B

Serie B: tutto facile a Vicenza con ben 12 giocatori a rete. Sabato arriva la capolista

Pallamano Vicenza Vs Handball Oderzo (p.t. 11 – 20) 26 – 37
Vicenza: Ceccon, Tonello 4, Volpato 4, Marangoni. Foralosso, Pahomea 5, Tessaro 4, Orlando, Mbala 1, Padrin 1, Rubin, Signorini 3, Loregian 2, Del Lago 2, Ambruscio, Pagliarin
Allenatore: Signaroli

Oderzo: Lunardelli 2, Marcuzzo A. 3, Artico 1, Marcuzzo M. 5, Battistella N. 1, Cambruzzi 2, Franceschini 5, Makosa, Cattai 1, Milovanovic, Zorzetto 2, Alberti 1, Bortolot 8, Ologu 6
Allenatore: Angelo Bufardeci

Grazie alla vittoria sul Vicenza, l’Handball Oderzo torna questa settimana ad occupare la terza piazza in classifica in attesa sabato di ospitare, nel big match della sesta giornata, il Torri che guida imbattuto il campionato e che ha provocato la battuta d’arresto del Paese.

A Vicenza, coach Bufardeci ha approfittato di far fare minutaggio ai giovani under 20 e under 17, i quali hanno sfoderato un’ottima prestazione e nello stesso tempo risparmiato fiato ai seniores in vista della sfida tanto attesa con la capolista.

L’affermazione dell’Handball Oderzo sulla squadra di casa è stata netta, come recita il risultato di 1-8 dopo 12 minuti di gioco.
Chiuso il primo tempo sull’11 a 20 la ripresa non ha riservato grosse sorprese e il match si è chiuso sul 26-37.

Interessante far notare che tra le fila dell’Oderzo sono andati tutti a rete, ad eccezione dei portieri.
Coach Bufardeci può dunque ritenersi soddisfatto che ben 12 giocatori sono stati iscritti a referto tra i marcatori. Il Top scorer dell’incontro è stato Ilario Bortolot con 8 reti, segue con 6 l’under 17 Cristian Ologu, 5 per Manuel Marcuzzo e Filippo Franceschini.

Brucia ancora la sconfitta subita all’andata ad opera del Torri che si aggiudicò un match molto intenso per 32 a 28. Sabato primo aprile, Oderzo proverà a giocare la carta dell’incontro casalingo riponendo la massima concentrazione per carcare di rallentare la corsa della capolista.
Fischio d’inizio alle 20,30 al PalaMasotti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button